La poesia immor(t)ale e segreta di Emanuela Botti

emanuela-botti-immorale

La poesia immor(t)ale e segreta di Emanuela Botti

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

 

“…a disordinare gli sguardi.”

Dopo l’incanto

L’ardore della poesia di Emanuela Botti ritorna con maggior forza dopo gli incantesimi irresistibili delle Fate ingorde, libro d’esordio introdotto da Elio Pecora e pubblicato da La vita Felice, editrice come sempre fra le più attente a svelare le autentiche voci poetiche.

Con la silloge Immor(t)ale, Emanuela Botti ci offre un tema immorale e, al contempo, immortale. Immortale perché perenne e perpetua, in una promessa sancita fra anima e corpo, è la devozione al verso poetico; e necessariamente è immorale, in quanto priva d’ogni retorica desueta sull’eros e su un impegno vincolante e doveroso dell’amore. L’amore immorale è ricettivo del mondo e testimone di una libertà indomita e personale nel mondo stesso, grazie ai richiami alla fantasia ingegnosa dello spirito. Un eros totalizzante, che al di là degli incantamenti di una donna – fata cosciente di una libertà che va affermandosi principiando dalla voce alla pelle fino al cuore – si passa a un seducente manifesto dei sensi, un audace e perenne ritorno alla poesia, mezzo d’elezione per serbare il desiderio di vita.

Eros

Emanuela Botti fa corrispondere, alla chiave erotica dei suoi versi, un nesso totalmente aderente al fare poesia; e se poesia è mistero, è mistero anche percezione sensuale e poetica di sé. Ed è qui è l’erotismo; il mistero dell’amore e della vitalità che da esso emerge è il vero incantamento che consente di nascere e rinascere sempre – nella percezione sensuale di sé e nel racconto del mondo proprio tramite il corpo. Erotismo come mistero e devozione, un portare a spasso la fantasia e il desiderio,

un vanto che dondola il privilegio

d’ancheggiare sulle gambe umide

a disordinare gli sguardi.

Libertà

La poesia di Emanuela Botti si volge su molteplici percezioni sensoriali e, com’è proprio in un lavorio spontaneo e certosino, si manifesta con una forza immaginifica sempre appena fiorita ma sorprendente, in una sintesi luminosa di poche perfette parole, gravide di esultanza e significato. L’erotismo è infatti gioioso, quasi a palesare, tramite il gioco dei sensi, un’impudente sensualità, mai maliziosa ma forte, incalzante come il ritmo dei versi – un gioco di lingua, di parole chiuse da un bacio, un richiamo d’amore instancabile che nella piena sincerità esige il linguaggio dei sensi, lambiti morbidamente e sempre dalla poesia che ne confessa la forza.

L’immor(t)alità di Emanuela Botti è chiave di lettura indispensabile per partecipare a un incanto poetico avvolgente e memorabile.

Emanuela Botti, Immor(t)ale, La Vita Felice Edizioni, pagg. 68, € 12

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Comments (2)

  • Rossella

    complimenti condivido ogni commento positivo sul questo fantastico e raffinato libro di poesie !!

    • Pietro Fratta

      Grazie per la lettura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su Instagram

This error message is only visible to WordPress admins
There has been a problem with your Instagram Feed.
Error: No posts found.
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione