Ernest Hemingway, oggi

hemingway-ernest-pubblicare

Ernest Hemingway, oggi

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

 

 

“Non preoccuparti, amore mio. Non preoccuparti.”

Oggi nasceva il grande scrittore Ernest Hemingway, Premio Nobel per la letteratura nel 1954 dopo la pubblicazione de Il Vecchio e il mare. Scrittore la cui vitalità si rifletteva nella vita, giornalista e corrispondente di guerra ferito gravemente durante la Grande Guerra sul fronte italiano, il suo stile conciso ed essenziale, il suo equilibrio nell’adopero di parole significanti per una narrazione avulsa a ogni forma di retorica, gli permisero di portare alla luce grandi capolavori quali Fiesta e Per chi suona la Campana.

Perché Capolavori?

 

Per il sapore di autenticità che intesseva nei suoi dialoghi e nei suoi mondi.

Di che cosa parlano?

In sostanza di vita e morte. Guerra, sangue, coraggio: un vitalismo indomito da bruciare a costo di morire; una vita che è degna di definirsi tale se non teme la sua fine; il machismo quale intima volontà di potenza, quale mezzo per infrangere le barriere di comunicazione con le donne e giungere all’amore; l’amore tragico e potente di Addio alle Armi, amore vero e struggente fra un ferito in battaglia durante la Prima Guerra Mondiale (Hemingway stesso?) e un’infermiera del fronte.

Hemingway si suicidò nel 1962 sparandosi in volto col suo fucile da caccia. La maledizione degli Hemingway, pompano di solito i media (altri suicidi accaddero poi in famiglia) dovuta forse alla fine della vita, del vitalismo. Hemingway era avvolto dal male oscuro, nemico infido e terribile, e non riuscì a uscirne. Non scriveva. Beveva. Non poteva godere dei suoi frutti seminati durante una carriera straordinaria: doveva andare avanti, oltre, ma non ci riusciva.

Ogni sua pagina (anche i primissimi racconti, romantici e provenienti dall’ambiente maledetto e malinconico della Generazione Perduta, durante le sue prime fatiche sotto l’ala protettrice di Gertrude Stein) è un momento in cui la vita si infiamma, illumina la notte. E infine si spegne.

ernest heminngway addio alle armi

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su Instagram

This error message is only visible to WordPress admins
Error: No posts found.
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione