Un oracolo per sperare la poesia: il libro di Giulio Mozzi e Laura Pugno

Non classéUn oracolo per sperare la poesia: il libro di Giulio Mozzi e Laura Pugno
oracolo-manuale-per-poete-e-poeti-giulio-mozzi-laura-pugno.jpg

Un oracolo per sperare la poesia: il libro di Giulio Mozzi e Laura Pugno

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram





Scrivere poesia. E non perdersi in essa (e nella banalità)

DALL’ENCICLOPEDIA
TRECCANI:

Oracolo:
Forma di divinazione praticata presso vari popoli antichi,
consistente in un responso che, in vario modo, era dato dalla
divinità in determinati luoghi a una domanda riguardante sia cose
ignote del presente, passato o futuro, sia la giusta maniera di agire
in determinate circostanze.

L’Oracolo
Manuale per poete e poeti
di Giulio Mozzi e Laura Pugno è un libro
preziosissimo e di gradevole lettura. Le sue pagine non lasciano
responsi oracolari, ma consigli preziosi ed essenziali: una
segnaletica che orienta il cammino poetico di qualsiasi poeta o aspirante tale. Ogni giorno, prima di intraprendere un’avventura
poetica – prima di incamminarsi verso un mondo misterioso, talvolta
pericoloso, che solo il poeta può illuminare – basta una parola,
una pagina di questo libro per avere l’impressione miracolosa di non
essere soli. L’oracolo avvisa, mette all’erta; il responso precede
l’azione. L’oracolo per poete e poeti precede l’avventura poetica.

Non
è manuale da leggere coscienziosamente pagina dopo pagina: la sua
forza è provata dal fatto che si può sfogliare, in piena libertà:
l’oracolo dice sempre cose giuste. Oltre tutto, è anche un libro
divertente. Ecco alcuni esempi sintetici che colpiscono al cuore:

NON
GONGOLARE.

A
seguire una sorta di confronto che l’Oracolo promuove: disimpara.
Poche letture sono insopportabili come quelle di chi mostra i
muscoli.

ASCOLTA
LA TUA VOCE

E
anche quella degli altri, suvvia.

Scrivi
una poesia usando un registratore […] Confronta i due testi – lo
scritto, l’orale – nelle pause, nella punteggiatura, negli spazi
bianchi o temporali. Ripeta l’esperimento più volte. […]

Per
poi proseguire, su questa pagina come nelle altre,
con
microsaggi che arricchiscono l’impeto creativo del poetainfallibile
con misura brillante e discernimento – esiste un posto in noi dove
il buio non impaurisce, nel coraggio di scrivere l’essenziale del
nostro pensiero, il nostro sincero immaginareil mondo; qualora la
scrittura procede senza tema di errore, col giusto sentimento di
vivere e rivivere quanto si è intuito o visto di un mondo
frammentato e un po’ folle – la paura si attenua; e si respira
un’aria vitale che ci appaga e ci salva.

Ecco
perché gli spunti dell’Oracolo sono importanti e la lettura, per
quanto breve, si rivela sempre bellissima: perché aiuta a non
perdersi; di più: aiuta a fare poesia e ritrovarsi.

Un
libro da tenere sempre con sé. E come dice l’Oracolo:

IMPOSSESSATI.
E LASCIATI IMPOSSESSARE.

Buona
fortuna, buona lettura.



Oracolo Manuale per poete e poeti

di Giulio Mozzi e Laura Pugno

Editore Sonzogno

pag. 400, € 16


Iscriviti alla
Newsletter

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Si consiglia di concludere gli ordini entro il 18 dicembre. Dopo tale data, non si può garantire la puntualità delle consegne entro Natale.
+
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione