I cinque migliori libri di Poesie del 2020

Non classéI cinque migliori libri di Poesie del 2020
il-lato-oscuro-del-centauro-100-anni-di-primo-levi-583876.jpg

I cinque migliori libri di Poesie del 2020

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram





La speranza della poesia nel 2020: i cinque migliori emergenti.

 

È stato un anno di
difficile gestione e di scelte complicate ma inevitabili. Ma ho
dimostrato a me stesso che la parola scritta – la poesia, la
narrativa – aiuta a mirare all’essenziale e alle cose che contano.

La poesia che ho scoperto
suggerisce sempre la difficile bellezza della vita. Difficile e
semplice. Tutto qui. Ma alcuni libri in particolare mi hanno aiutato
a soffermarmi su aspetti della realtà altrimenti inconoscibili e –
come stranamente mi auspicavo – a curiosare a debita distanza al
mistero di un abisso che ci guarda, come diceva Nietzsche, e
che (parafrasando un altro grande pensatore tedesco, Heidegger)
solo la poesia può in qualche modo affrontare.

Ho letto e sto leggendo
alcuni grandissimi.

Tomas Transtromer,
per esempio, sì è accordato a una curiosità personale non facile,
a un lamento d’esistenza. I suoi versi,
intessuti da una strana forma di malinconia ossessiva (forse tipica
della poesia) e tuttavia compassata, stravolgono la realtà, colorano
i cieli di tinte inaspettate e allucinate. Di grandissima
ispirazione. Struggente e memorabile èSergej Esenin che
canta la terra – egli stesso terra e spirito – sua madre, la
Russia, e una condizione di eterno esule. Inafferrabile e
straordinario è un suo coevo, Aleksandr Trakl, protagonista
dell’Epoca d’argento della poesia russa, poeta intriso di simbolismo
che svela un lirismo spiazzante e passionale.

Ve ne sono altri che
tuttora sto conoscendo, sempre meravigliato: la Nobel Louise Glück
, il grande Umberto Piersanti, l’indimenticabile Milo De
Angeli
s; l’incredibile e giovaneJan Wagner .C’è tempo?
Forse. Muß es sein? Es muß sein! (e
suggerisco l’ascolto degli ultimi Quartetti di Beethoven).

Ma
sono gli emergenti, i poeti che si affacciano al mondo della
letteratura. Nell’età imbarazzante della scrittura di pancia e degli
a-capo, che tutti accontenta, sempre dolciastra, di
Francesco Sole,
Gio Evan
e pure Rupi Kaur, per accennare ai più giovani e di
tendenza, la poesia aderisce alla nevrosi dell’oggi splendendo,
inviolabile e sporca al contempo, classica e futuribile, scomoda e
indispensabile. Di questi autori che per buona sorte mi son capitati
fra le mani, provo a illustrare una piccola personalissima
classifica. Sono libri spesso distribuiti da editori indipendenti e
coraggiosi (una piccola realtà editoriale vive mediamente uno o due
anni, ma c’è chi persevera).

Ed
eccoli qua, dal 5° al 1°. Difficilmente li dimenticherò e sarà
bello rileggerli.

5° LUCA ARTIOLI –
Il
lato oscuro del Centauro
(La Vita Felice)

Un’opera potente,
incisiva. La poesia è capace di sovvertire il tempo e rivivere
coraggiosamente l’oscuro e orribile periodo della Shoah, con
l’immedesimazione straordinaria nel cuore del grande scrittore Primo
Levi.


4° GIOVANNA CRISTINA
VIVINETTO – Dove
non siamo stati
(Rizzoli)

G. C. Vivinetto è
autrice di talento e voce poetica sincera, intima. Una vera promessa
che già si conferma con questo libro, dopo l’esordio notevole di
Dolore Minimo. Poesie di luoghi mancati,
immaginati o colmati nel ricordo. Luogo per eccellenza è il proprio
corpo, in relazione col pensiero, il mondo, l’altro da sé, l’amore.

3° GIULIA BRAVI –
Cuore
Quarantena
(Cartacanta)

Cuore Quarantena è un
piccolo miracolo, un sogno dolce e crudele, un viaggio del tempo e
del sentimento attraverso i secoli, la peste di Napoli, il dolore, la
Fede. Pur volgendo apparentemente al passato, il tema è
assolutamente attuale (in tempi di Covid, in particolare), un esordio
stupendo e una silloge assolutamente originale.


2° EMANUELA BOTTI –
Le
fate ingorde
(La Vita Felice)

Le fate guardano,
osservano, amano: portano appresso la magia della libertà, la
sensualità, una femminilità piena che tuttavia fa i conti con le
ombre e le spigolosità di un mondo, di un
Oggi
che non capisce la magia del vivere, ma che Botti ripropone tramite
una poesia di grande levità e sensibilità, leggerezza e – non
ultima – di grande forza.



1° GABRIELE GALLONI –
IN
CHE LUCE CADRANNO
(RP LIBRI)

L a sua precoce
scomparsa ci ha lasciato sgomenti. Grande, forse grandissima
promessa, la sua poesia, senza esitazioni, ha attinto linfa da temi
durissimi, quasi ossessivi, e tuttavia al cuore dell’esistenza
stessa, la vita e la morte e il contatto misterioso che la poesia
autentica e misteriosa, accompagnata da un lirismo inappagato, può
affrontare.



Questo è il più bel
libro di poesie letto nel 2020. Come gli altri, lo consiglio a tutti.

P.S. Ecco i quartetti di Beethoven:


Iscriviti alla
Newsletter

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione