La magia è poesia… e la poesia è magia: il nuovo saggio di Carlo Lapucci

criticaLa magia è poesia… e la poesia è magia: il nuovo saggio di Carlo Lapucci
magia-e-poesia-lapucci-graphe.it

La magia è poesia… e la poesia è magia: il nuovo saggio di Carlo Lapucci

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

MAGIA E POESIA, saggio di Carlo Lapucci, introduce nel mondo della poesia e della magia e, inevitabilmente, nel potere evocativo e creativo del linguaggio, partendo dai primi maghi, filosofi e sapienti, fino agli alchimisti e alle summe creative di Dante Alighieri. Un libro che è anche un magico panegirico sulla bellezza del linguaggio e della parola.

graphe.it, scriverepoesia, consulenza poeti, come scrivere poesie

Carlo Lapucci – Magia e poesia – Graphe.it edizioni – pagg. 204 – € 15,90

LA SCRITTURA POETICA, FORMA MAGICA DELLA CONOSCENZA

Carlo Lapucci dirige il suo pensiero  e la sua originale ricerca grazie a una prosa molto specifica, intensa, accompagnata da descrizioni e concetti essenziali atti ad accompagnare il lettore in una storia appassionante, riguardante le origini e i destini (oggi attualissimi) della poesia e della magia, e rivelando in che modo l’uno e l’altra abbiano assunto funzioni sapienziali, politici e artistici fin dall’alba dei tempi, quando la conoscenza era magia ( e viceversa). Il libro si svolge in capitoli brevi ma molto ricchi di riferimenti e informazioni e la scrittura è godibile e suggestiva: probabilmente gli appassionati di poesia potranno trovare spunti di riflessione molto originali e l’argomento magia può avvicinare sia il lettore forte sia il lettore curioso e sporadico.

La magia era primo sintomo di una sete di conoscenza derivata da un senso di meraviglia e timore per le cose di mondo, gli sconvolgimenti e le bellezze naturali in diretta connessione con gli intimi impulsi della natura umana.

TEMI E FASCINAZIONI

In effetti, per il tema trattato e per i vari spunti storici-letterari che offre (interessante la disamina sulla Divina Commedia di Dante Alighieri e sulle amicizie di questi, con tanto di aneddoti) è libro ideale che incontra i tanti e anche giovani appassionati di poesia: il legame fra magia, miti e poesia stessa consentono un intreccio assai accattivante che intelligentemente lascia spunti riflessivi sulla natura e origine del componimento poetico, anche grazie ai parallelismi con le arti occulte.

La poesia è un mistero: il libro propone di addentrarsi con piacere nel motivo per cui essa “accade” e coinvolge molti artisti.

Molto importante e coinvolgente è la prima parte, tesa a spiegare (o ipotizzare?) origine e funzione sociale della poesia: vertice di sapere illuminato che è sopravvissuto fino ai giorni d’oggi e rivolto solo a pochi iniziati (ma è ancora così? E perché?)

DOPPIA NATURA

Il tema è duplice ed è possibile che attragga una schiera di lettori variegata, a metà strada fra curiosi di antropologia, esoterismo e letteratura. È un libro appassionante che merita una lettura attenta e condivisa con poeti giovani e curiosi, capaci a loro modo di comunicare con rapida incisività sul lettore medio. L’originalità dell’opera fa desumere la sua natura controcorrente: in un periodo di ibridazione spesso dissennata di linguaggi, nei pericolosi ritorni all’analfabetismo e all’analfabetismo funzionale, il testo invita a riscoprire la bellezza della lettura, la magia dei grandi classici e di un genere letterario assolutamente percettivo dei cambiamenti sociali e mediatici in atto: la Poesia.

Carlo Lapucci vive a Firenze dove si occupa di letteratura, linguistica e tradizioni popolari. Ha lavorato e collaborato con varie case editrici; ha partecipato come esperto alla trasmissione di Radiodue La luna nel pozzo ed è stato l’autore delle serie I verdi giardini della memoria e Cose dell’altro mondo.


Iscriviti alla
Newsletter

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione