Travestimenti per una poesia di terra e amore: Serena Mansueto

travestimenti-serena-mansueto

Travestimenti per una poesia di terra e amore: Serena Mansueto

Condividi con chi vuoi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram

 

“Certi adorni versi.”

Terra e Poesia

La poesia di Serena Mansueto nasce e fiorisce nella terra rossa e arsa delle Puglie, dove la poetessa è nata. Il carattere difficile e la storia di questa terra riservano beni preziosi che fioriscono e crescono come gli ulivi ovunque e i vitigni pieni di nettare che scalda il sangue. Arsura e dolcezza, terra e sole principiano le poesie contenenti nella silloge della poetessa e formano una intensa prova artistica in cui i Travestimenti (titolo dell’opera, edita da Eretica Edizioni) sono altresì un denudarsi, un rivelarsi in una confessione sofferta che, dal pensiero al linguaggio poetico, attraversa una maturazione progressiva, talvolta dolorosa, incanalata in quattro fasi vitali, quattro nodi (come gli stessi nascosti dalle radici degli ulivi nel loro allargarsi sotto terra) ognuno dei quali delinea gli aspetti peculiari delle poesie che tenacemente palesano una ricerca intimista della bellezza.

Malvasia nera

non canti la notte buia

regali la luna, spegni la ghiacciaia tra i crespi

rami dei vigneti

avvitati dai sarmenti.

E poi noi.

Foglie nude e innesti.

La bellezza, l’amore, i nodi

Una bellezza che brucia dentro e fuori l’Io, identificata con gli umori della terra, severa e agra, color ruggine; un tesoro entro cui ritrovarsi, passando al contempo da un travestimento all’altro, appunto, per riapprodare a se stessi.

Ancora la poesia è una scoperta di sé in cui anche l’amore, croce e delizia, come direbbe Sandro Penna, richiama una terra color zafferano, il mare dell’attesa, il disincanto e la nostalgia di un ricordo furtivo e sensuale entro una percezione del tempo unica che si palesa nella creatività del ricordo stesso e del sentimento.

Apri le tue palpebre

e approda sulle sponde: sono solo imbroglio

di ebbra euforia

e quest’anima che hai visto sguazzare

era solo paglia in mezzo al mare

Travestimenti

È un vagare di parole armate (e amate) nell’ultimo nodo della raccolta, più umorale e viscerale, ennesima occasione di travestimento, di essere, qui e ora; una coscienza che piano si arena nelle vicende del mondo, nelle tracce esperienziali che innervano la sensibilità poetica di Serena Mansueto e, per miracolosa corrispondenza, la sua identità. Essere tutto e niente nel silenzio e ritrovarsi nella vibrazione della parola che racconta passato, presente e, come il vento, si sposta e si fa ghermire dai molteplici significati che il giorno venturo riserva.

Travestimenti è silloge che racconta di speranza e per essa una sincera dedizione che la poesia rinnova: verso dopo verso.

Travestimenti – di Serena Mansueto – Eretica Edizioni – Pagg. 70, € 13

Condividi con chi vuoi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on telegram

Comment (1)

  • Michele Pappalardi

    Serena è amica miaaaaa!!! Fierezza e stima! Evvaiiiii

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione