Un poeta in luce. Gabriele Galloni, 1994 – 2020

Non classéUn poeta in luce. Gabriele Galloni, 1994 – 2020
1599893880333803-0.png

Un poeta in luce. Gabriele Galloni, 1994 – 2020

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

La prima forte impressione che lascia la notizia della morte di Gabriele Galloni, oltre all’amarezza e allo sgomento per chi lo conosceva sia sotto il profilo professionale che umano, è un pensiero inevitabilmente rivolto alla sua opera poetica; un lavorio certosino, assolutamente ricercato e tuttavia incisivo e profondo che ha lasciato molta suggestione fra lettori e critici per la precoce maturità stilistica e la disarmante bontà del suo lavoro – ma anche per un afflato poetico che quasi con ossessione percorre il tema della morte, come nella raccolta In che luce cadranno, per i tipi di RP libri

Forse non si tratta di una coincidenza: il poeta lascia la vita e affronta la morte dopo averne parlato con certa consuetudine.

Ma è pur vero un assioma inevitabile. La poesia, come già detto, affronta abissi e anzi con l’abisso pone un dialogo rischioso che gli consenta – anche sfiorando le ali della follia, come diceva Baudelaire – di provare estasi e pienezza della vita. La poesia parla dal suo fondo misterioso della morte  (perfino Giorgio Caproni lo ammetteva spesso nei suoi versi) ; ma in questo caso si esula dal tema prettamente esistenziale per venire condotti a una curiosità specifica sui morti e sulla loro non vita, quasi a immaginare in essi un barlume di coscienza e consapevolezza.

Pensare ai morti esula il niente, il terribile niente, forse, con la speranza di una loro sporadica ed eccezionale manifestazione nel nostro mondo che aggancia la nostra vita – o, in questo caso, un’esistenza poetica che tuttavia non pare sfuggire al gorgo della morte, così stranamente attraente. 

La musica dei morti/è il contrappunto/dei passi della terra. 

I morti parlano fra loro, si muovono e una  luce tocca i loro occhi, tesi a osservare cose che non possiamo concepire ma restituite da Galloni a elementi quotidiani e banali;  sono eterni ma quasi eternamente distanti. La poesia tenta di accorciare la muta convivenza coi viventi, ma resta l’interrogativo sul loro destino, che è il nostro: il pensiero di un destino dopo la morte ci riconduce al silenzio, a tutto ciò che è inesplicabile.

Galloni ha familiarizzato con la morte, non solo pensandola ma figurandola con gli amati trapassati. La sua Poesia è quasi lapidaria e il suo anelito verso il mistero è quasi impossibile da sostenere; ma proprio per questo è indiscutibile e di una bellezza che sempre riconduce al nostro cuore.

In che luce cadranno

Di Gabriele Galloni

Ep libri

48 Pagine, € 10

Iscriviti alla
Newsletter

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione