Un addio (per ora) a Roberto Gervaso

Non classéUn addio (per ora) a Roberto Gervaso
1591177390508294-0.png

Un addio (per ora) a Roberto Gervaso

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Roberto Gervaso ci ha lasciato a 82 anni dopo una battaglia contro un cancro alla prostata durata quasi due decenni. 

Celebre aforista, approdò al Corriere della Sera in giovane età, presentato da Indro Montanelli, vero gigante del giornalismo, con il quale avrebbe scritto i volumi dal 3° all’8° de La storia d’Italia, piccolo grande capolavoro che gli diede notorietà. Già da queste pagine traspare il suo dono, il suo talento: l’ironia. Ogni sua pagina si vivacizza, si fa divertente oltre che istruttiva: la sua voce si pone quasi davanti al testo per invitare di persona il lettore a una squisita conoscenza, una bella lettura: perché leggere (e sapere) è bello, è un piacere della vita.

Iscriviti alla
Newsletter

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione