“Timmy e il grande fagiolo magico”: un racconto… artificiale.

Non classé“Timmy e il grande fagiolo magico”: un racconto… artificiale.
albero-elettronico-di-vettore

“Timmy e il grande fagiolo magico”: un racconto… artificiale.

Condividi con chi vuoi:

Ebbene sì, ChatGPT è diventato un po’ arrogante e si è cimentato nel racconto breve. Ma SP ha bisogno di un Vostro parere e di un Vostro editing, perché non è molto convinta.

L’editing migliore riceverà un libro in omaggio.

Accettate la scommessa?

Leggete il racconto e scriveteci a redazione@scriverepoesia.it!

 

Timmy e il grande fagiolo magico

C’era una volta un bambino di nome Timmy, che viveva in una piccola casa di campagna circondata da un vasto giardino. Timmy era un ragazzo solitario, trascorreva la maggior parte del suo tempo a giocare da solo nel suo giardino. Un giorno, mentre scavava un buco per piantare dei semi di fiori, trovò un fagiolo stranamente gigantesco.

Timmy lo prese tra le mani, stupito dalla sua dimensione, ma quando stava per buttarlo via, il fagiolo cominciò a parlare.

“Non mi buttare via, per favore!” disse il fagiolo con una vocina stridula.

Timmy rimase sbalordito. “Un fagiolo che parla?”

“Sì, sono un fagiolo magico,” rispose il fagiolo. “E posso essere il tuo migliore amico se mi lasci crescere e mi prendi cura di me.”

Timmy, incuriosito e un po’ sorpreso, decise di dare una possibilità al fagiolo magico. Lo piantò in un vaso speciale che trovò in cantina e lo innaffiò con cura ogni giorno.

Con il passare del tempo, il fagiolo iniziò a crescere a vista d’occhio. Presto superò l’altezza di Timmy e si trasformò in un gigantesco albero di fagioli. Ma la cosa più strana era che, ogni tanto, poteva sentirsi una lieve risata provenire dall’albero.

Un giorno, mentre Timmy sedeva all’ombra dell’albero di fagioli, sentì una voce provenire da uno dei baccelli. Era il fagiolo magico, che ora aveva un corpo minuscolo e un viso buffo.

“Mi hai aiutato a crescere così tanto che ora posso prendere forma umana per passare del tempo con te!” disse il fagiolo con entusiasmo.

Da quel momento, Timmy e il fagiolo magico divennero inseparabili amici. Si divertivano insieme, esploravano il giardino e inventavano giochi strani e divertenti. Il fagiolo magico, con la sua saggezza peculiare, insegnò a Timmy molte cose sulla natura e sulle meraviglie del mondo.

Ma un giorno, l’albero di fagioli cominciò a mostrare segni di debolezza. I suoi baccelli erano diventati scoloriti e appassiti, e il fagiolo magico si indebolì visibilmente.

Timmy si preoccupò molto per il suo amico. Decise di consultare la saggezza del fagiolo magico per trovare una soluzione.

“La mia magia è legata al tuo affetto e alla cura che mi hai dato,” spiegò il fagiolo magico. “Ma ora è giunto il momento che io torni alla terra per rinascere. Non temere, il nostro legame resterà forte.”

Con un misto di tristezza e speranza nel cuore, Timmy piantò il fagiolo magico nel terreno, dove si trasformò in un piccolo germoglio verde.

Non appena Timmy lo innaffiò con una lacrima di commozione, il germoglio cominciò a crescere, rigoglioso e forte, promettendo di portare nuove avventure e amicizia nel futuro.

E così, anche se il fagiolo magico non era più lì fisicamente, il suo spirito viveva nei ricordi e nel cuore di Timmy, che continuò a coltivare il suo giardino con amore e gratitudine per l’amicizia straordinaria che aveva condiviso con un fagiolo magico.

 

(A voi carta e penna!)

Iscriviti alla
Newsletter

Condividi con chi vuoi:

Lascia un commento

abbonamento
CONCORSO

VINCI UN ABBONAMENTO GRATUITO A SP!

Come partecipare:

scegli uno dei nostri libri e, insieme con la ricevuta cartacea di acquisto, riceverai un codice alfanumerico. Uno di questi verrà estratto il giorno 21 marzo 2024 come vincitore di un abbonamento e l’estrazione verrà comunicata tramite newsletter ufficiali e diretta su Instagram dal profilo ufficiale della casa editrice.