Poesie di un’analfabeta: Chiodi di Agota Kristof

Non classéPoesie di un’analfabeta: Chiodi di Agota Kristof
1603444403162283-0.png

Poesie di un’analfabeta: Chiodi di Agota Kristof

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Agota Kristof abbandona il suo paese, l’Ungheria, minacciato dalla potenza russa, e con rancore verso il marito che impose tale scelta e un bambino di quattro mesi in braccio. Con l’esilio lascia inoltre la terra, le parole, i suoi studi; si rifugia in Svizzera, nuova incerta patria fino alla morte. E abbandona infine, per quasi fatale distrazione, anche le sue poesie.

Nella nuova vita Kristof ha nella mente e nel cuore poche parole, quelle francesi, di cui dubitare perfino degli aggettivi o dei loro costrutti; ma la necessità di scrivere e raccontare il suo straordinario mondo è insopprimibile.

Nasce così Il grande quaderno, confluenti in due successivi romanzi che, nell’insieme, compongono il grande capolavoro: l’irripetibile Trilogia della città di K.

Un testo crudo, di una prosa secca, lancinante e spietata, terribile. Un pugno allo stomaco per l’evocazione  disperata di un mondo senza anima e di infinita desolazione.

Ma il cuore di Agota kristof non è riposto pienamente nel suo lavoro di prosa: è arenato – e ancora battente – nella Poesia.

Impossibilitata a risollevare dal nulla le poesie lasciate nella terra d’origine, Agota Kristof si arrischia nel riscriverle: come fece Dino Campana con i Canti Orfici.

Era questione di sopravvivenza.

La scrittrice raccolse una serie aggiuntiva di versi che concludevano un autoritratto nitido e più esaustivo del mondo lacerato della scrittrice.

I temi presenti in questa silloge – per chi ha letto la trilogia – sono familiari: desolazione, annullamento, morte, amore e assenza. E ovviamente tanto altro.

I suoi versi sono sorprendenti e scoprono la sua intimità; non è poesia confessionale ma un vissuto di momenti e angoli peculiari del mondo, compenetrati alla sua anima: momenti che, bloccati da chiodi, le parole, preparano e allestiscono con radicale perplessità il compimento ed epilogo della vita: cioè la morte.

Si ravvisano differenze stilistiche fra le prime poesie e le successive: le prime hanno maggior ricchezza figurativa e, apparentemente, maggior sentimento; le seconde sembrano più apparentate alla Kristof celebre prosatrice, svolte con un tono e ritmo quasi dialogico: versi comunque profondi quanto disincantati e allucinati dalla convivenza fra vita e morte nello svolgimento precipuo dell’esistenza.

Kristof considerava con molta importanza e affetto la sua opera poetica e più volte espresse il desiderio che venissero raccolte in un unico libro. Così è andata, fortunatamente, grazie alla sensibilità dell’editrice Casagrande.

Ne aveva ben donde, Agata: le sue poesie toccano profondità forse mai raggiunte altrove. E sono splendide e disarmanti. 

Chiodi

Di Agota Kristof 

Ed. Casagrande

Pag. 100, €16

Iscriviti alla
Newsletter

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Si consiglia di concludere gli ordini entro il 18 dicembre. Dopo tale data, non si può garantire la puntualità delle consegne entro Natale.
+
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione