Poesia gay, poesia d’amore

Non classéPoesia gay, poesia d’amore
Poesia%2Bgay%2Bcrocetti.jpg

Poesia gay, poesia d’amore

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram





Poesia gay in un linguaggio d’amore universale

 

Costantino Kavafis,
Sandro Penna, John Ash, Wystan Auden, Allen Ginsberg
: ecco alcuni
dei maggiori poeti del secolo scorso raccolti in questo libro a
raccontare l’amore e la loro poesia. Amore gay e soprattutto poesia
gay, sensuale e impressa nel senso del desiderio, che, accolto,
confessa una piena umanità e vitalità, affamata di amore, di un “Re
fra le cui braccia io chiedo di morir
e”.

Il desiderio, anelito e
spasmo di vita, costringe a smascherarsi – obbliga in qualche modo
a poetare. Questa Poesia gay dell’età moderna, edita
dai tipi bravissimi tipi di Crocetti (e ora vaticinati da
Feltrinelli) è anzitutto una concessione all’innamoramento, fugace o
persistente che sia: ecco allora Sandro Penna intento a ricreare un
angolo bucolico di mondo in cui consumarsi in un istante silenzioso
di amore o desiderio, sovente ricacciato nella memoria. La poesia è
liberazione, si affranca dalla paura o la accetta nel proprio corpo.
E attraverso la carnalità, la sessualità, si toccano altezze e
profondità da cui guardare, in un’illusione di salvezza, alla
minaccia della solitudine.

Kavafis, poeta fra i più
grandi, non negava la sessualità gay e grazie a essa trovava un
ideale di bellezza ricercata in ogni incontro amoroso, in ogni
sguardo rivelatore:

Pure, l’amore che volevi l’avevo io
da darti;
l’amore che volevo – lo dissero i tuoi
occhi
sciupati e diffidenti – l’avevi tu da darmi.
Si
sentirono, si cercarono i nostri corpi;
compresero la pelle e il
sangue.
Ma ci nascondemmo, tutti e due sconvolti.

Peter Orlovsky, compagno
di lunga data di Allen Ginsberg, ritrova, in un episodio
dell’adolescenza, il momento di tenerezza furtivo che scopre la
sessualità e indora in un tocco il ricordo lontano:

[…] allora l’ho
guardato diventando triste e l’ho toccato e

poi anni dopo come
adesso, che ne ho 28, allungato

nel mio letto, col mio
dolcissimo Allen che mi dorme accanto

– capisco che era
finocchio e voleva la mia

carne e la mia
dolcezza di quella età –

che ci saremmo anche
potuti dar l’un l’altro.

Sono
questi gli stilemi della poesia gay in età moderna? Forse. Per dirlo
con Walt Whitman, nella sua tumultuosa e indimenticabile poesia, si
parla forse di sentieri non battuti, di segreti delle notti e dei
giorni. Il linguaggio fisico e verbale (che esplode in RimbaudneGli
stupri
) in questa straordinaria raccolta ben introdotta e curata da
Nicola Gardini, compone un sistema di segni struggenti, sfuggenti –
in Sandro Penna, o con grazia e timore in Auden – e la raccolta è
suddivisa in varie parti, ognuna delle quali si concentra su un
ritaglio di tale sistema; e tanti grandissimi poeti – con le loro
parole rare o comuni, talvolta caste o al limite di una pornografia
esaltata da una gioia amorosa – giunge a consumare, vivere questo
libro in tutta la sua profondità, attendendo quel “dolce abbandono
che sospira” (Ginsberg).

Un’
antologia semplicemente stupenda.

Il senso del desiderio

AAVV

Crocetti Editore

Pag. 192, € 15

Iscriviti alla
Newsletter

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Si consiglia di concludere gli ordini entro il 18 dicembre. Dopo tale data, non si può garantire la puntualità delle consegne entro Natale.
+
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione