La Poesia è un luogo comune

Non classéLa Poesia è un luogo comune

La Poesia è un luogo comune

Condividi con chi vuoi:

Un utile divertimento. Si iniziano con queste parole e si prosegue, sperando in un aiuto. Si chiede venia per il mancato ordine alfabetico. 

UNGARETTI, GIUSEPPE : “M’illumino di immenso”. Era in guerra. Non ha vinto il Nobel. Le foglie descritte in una sua poesia sono i soldati morti.

VARIANTI (cfr CORREZIONE) : non esistono. La poesia nasce così, sgorgata dall’anima, e non va toccata.

POETICHESE (cfr SCRITTURA IN VERSI): Non è poesia, quella. Cioè. Vedi Giò Evan: qualche parola graziosa, poi mette in versi e voilà. Ci vuole nulla.

POESIA: è l’anima che parla.

ANIMA: L’amore, la vita, le altezze vertiginose, oltre il cielo, noi e Dio; la poesia è vera se espressione dell’anima.

CUORE: fa rima con amore. La rima più difficile del mondo.

RIMA: roba vecchia, ottocentesca, solo per i dilettanti poveracci che hanno scritto poesie a scuola.

GIACOMO LEOPARDI: era mezzo gobbo. Un pessimista. Amava Silvia (non corrisposto) e questo lo ha reso scettico su tutto nonché ateo. Ma era anche romantico.

ITALIANO: se, scriverei poesie, potrò ignorare tutte le regole dell’itagliano.

POETA: un eletto. Egli vede cose che noi umani. Sicuramente una grandissima persona, quasi divina. Se sembra stronzo o sufficiente è perché non possiamo capirlo. 

Iscriviti alla
Newsletter

Condividi con chi vuoi:

Lascia un commento

abbonamento
CONCORSO

VINCI UN ABBONAMENTO GRATUITO A SP!

Come partecipare:

scegli uno dei nostri libri e, insieme con la ricevuta cartacea di acquisto, riceverai un codice alfanumerico. Uno di questi verrà estratto il giorno 21 marzo 2024 come vincitore di un abbonamento e l’estrazione verrà comunicata tramite newsletter ufficiali e diretta su Instagram dal profilo ufficiale della casa editrice.