La poesia è finita. Diamoci pace.

Non classéLa poesia è finita. Diamoci pace.
Ceare_viviani.jpg

La poesia è finita. Diamoci pace.

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Il libro di Cesare
Viviani edito da il melangolo inizia con una constatazione
lapidaria: La Poesia è finita. Per arrivare a tal
conclusione, spiega fra le pagine che il mondo non è più pronto
alla poesia. In fondo si confonde la poesia autentica con la
scrittura in versi; e in effetti, constatando gli ultimi fenomeni
editoriali e le ultime vendite, vediamo paradossalmente un picco
eccezionale di presunti poeti che vendono molto più dei vecchi
maestri (che – accusa Viviani – i giovani non hanno mai letto): Gio
Evan, Francesco Sole, Guido Catalano: piccoli grandi campioni di
scrittura in versi. Sono esempi personali, mai citati dall’autore.

Ma anzitutto: che cos’è
la poesia? Come la distingue dallo scrivere in versi? Con un giudizio
severo e radicale: l’essenza della poesia sta in quella vertigine
che si prova di fronte a un abisso (cit. a pag.14) .
E
questo la dice lunga.

In
breve, per prima cosa la poesia è indefinibile. La domanda stessa
che ci poniamo riguardo alla sua natura e forma è viziata
dall’insufficienza di senso con cui proviamo ad oggettivarla.

Possiamo
viverla, leggerla (anzitutto, e tanta) e infine provare a scriverla;
ma attenzione: la poesia non accetta compromessi, né slanci
autobiografici; non cerca completezza. Avvicina piano all’abisso
dell’esistenza e al non senso delle cose – si avvicina al
nulla.
Alla nostra incapacità di descrivere ciò che in coscienza
avvertiamo: il mondo e la vita. La spiegazione risolutiva
dell’abisso (che a sua volta ci scruta, come disse Nietzsche)
allontana la poesia da se stessa, giacché quel nulla che sfiora,
quell’adesso incommensurabile e indecifrabile, è più grande di noi
ed esula dalle nostre capacità di definizione.

Il
nulla fa paura, ma spesse procede dalla meraviglia, a sua volta
scaturita dal vissuto delle cose, grandi o infime. Diceva Holderlin:

All’alto anelò il mio
spirito, ma l’amore

lo riportò indietro;
più potente lo curva il dolore;

così percorro l’arco

della vita e torno di
dove venni.

(da
Poesie scelte, UE Feltrinelli 2010, a cura di Susanna Mati)

…dove
lo spirito non è impropriamente scritto (oggi, insieme con anima
e amore è abusato) perché è l’uomo nel suo tutto che, pur
esaltato da un amore che niente ferma, si curva a causa del dolore che
riporta alla vita, al giorno, alla realtà. Pochi versi che
confessano un’esistenza.

Il
paragone è assolutamente improprio, ma oggi abbiamo questo:

ogni volta che

dici a tua figlia

che la sgridi

per amore

le insegni a confondere

la rabbia con la bontà

e la cosa sembra una
buona idea

finché lei non cresce
e

si affida a uomini che
le fanno del male

perché somigliano
tantissimo

a te

(da
Milk and Honey, Tre60)

Psicologia
in versi? La donna che ama uomini che le ricordano il padre? Chi lo
sa. Rupi Kaur, giovane artista poliedrica e poetessa (?) è un
caso internazionale. Con Milk and Honey ha venduto milioni di
copie del suo libro. Le recensioni, da Huffington Post a New York
Times
fino a Repubblica, sono entusiaste: Rupi Kaur è una
promessa vincente, è il futuro, è perfino una voce in versi del
femminismo. Ma anche qui, secondo Viviani, non ci siamo:

La perversione del
critico è quel senso di onnipotenza che gli permette di dire
l’esatto contrario di ciò che è evidente: il poeta preso in esame
manca completamente di talento e di ispirazione (così almeno appare
ai più) e allora lui scrive che è ricco di talento e di
ispirazione. E dove chiaramente il poeta si blocca, fallisce, sbatte
nell’ostacolo e non c’è alcun segno di poesia, il critico dice che
ha superato brillantemente l’ostacolo.
(pag
40)

Ma
chi sono “i più”? I lettori di oggi? Fra di essi, quanto hanno letto
per distinguere da una poesia o una scrittura in versi, così come da
una canzone pop a una musica profonda e ardita? Che preparazione
hanno e, soprattutto, c’è bisogno di una qualche preparazione? O è
necessario un lettore per comprare, per consumare versi
poetici? Incontrano e leggono e apprendono quel senso di vertigine a
cui conduce la poesia? Vogliono questa vertigine o è
troppo impegnativa, troppo minacciosa? Chi vuol farsi guardare
dall’abisso? Chi crede nella percezione dei propri limiti, intesi
come minacciosi impedimenti alla libertà (del piacere)?

Non è
tutto chiaro. Per niente. Ciò che non è chiaro è perfino in noi,
un mistero. La poesia ce lo rivela: il mistero in noi. U n vuoto, un
incomprensibile.

La
poesia è finita. Diamoci pace.

Iscriviti alla
Newsletter

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione