La macchina contro l’uomo: Edward Morgan Forster

Non classéLa macchina contro l’uomo: Edward Morgan Forster
EMForster1917.jpg

La macchina contro l’uomo: Edward Morgan Forster

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram





La macchina al servizio dell’infelicità.

Infine la macchina si ferma. 

Non siamo nel mondo triste e senz’anima di Orwell, né alla finta, maledetta e piacevole teocrazia di Huxley. Siamo ai primi straordinari semi della fantascienza di ogni tempo. Edward Morgan Forster fu colto dalla fascinazione della cultura positivista e dai racconti sul futuro che Herbert G. Wells rappresentava splendidamente; egli, scrittore di grande finezza psicologica e disincantato romanticismo, scrisse un capolavoro antesignano della fantascienza, non disdegnando quei ritratti splendidamente umani che lo aveva contraddistinto. 

Nel 1909 scrisse The Machine Stops, e i paradisi futuribili di Herbert Wells trovarono una voce inquieta,  realistica e per questo straordinaria. 

La divina Macchina è a pieno ritmo e tutto il mondo umano è automatizzato nel nome dell’iperefficienza e dell’ipervelocità. È addirittura inconcepibile alzarsi dalla poltrona, da cui si gestisce la propria esistenza quotidiana. È impensabile e innaturale uscire, e, fuori, incontrare il prossimo, avvertire il calore del sole, sentire il vento sulla pelle. Nessuno più conosce il contatto umano. Nemmeno Vashti, esimia professoressa e madre di un figlio che vive dall’altra parte del mondo. Proprio il figlio un giorno le chiede di incontrarla – ma incontrarla davvero, senza schermi televisivi, messaggi a distanza, privazioni sensoriali volontarie. Deve parlarle. Per lei inizia un viaggio intollerabile: deve addirittura muoversi, parlare dal vero, conoscere l’autentico colore del cielo.

È un viaggio in cui conosce se stessa, in realtà, e le sue capacità sensoriali; una libertà negata a causa dell’asservimento tecnologico e la voglia quasi istintuale di conoscere, mettersi in gioco. Il mondo da volontari reclusi non funziona come dovrebbe.

L’incontro col figlio, nel puro stile di Forster Morgan, sarà ovviamente intenso e a suo modo commovente e inevitabilmente lirico. 

La fantascienza, muovendosi su temi complessi e perfino questioni etiche, può saggiare profondità umane altrimenti trascurate. Anche dalla narrativa mainstream.

È incredibile la preveggenza di questo indimenticabile racconto e il suo valore luminoso, specie in questo periodo di pandemia, distanziamento sociale, tecnologia aggregante e invasiva: la fantascienza spesso immagina la nostra disumanizzazione. Ma anche la speranza orgogliosa che ammette tanti nostri errori e ci fa ritornare sui nostri passi. 

La macchina si ferma

Maudit edizioni

Di Edward Morgan Forster

Pag. 203, €16

Iscriviti alla
Newsletter

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione