Il Vate di un sentimento dimenticato: Carducci

Non classéIl Vate di un sentimento dimenticato: Carducci
1613457211939522-0.png

Il Vate di un sentimento dimenticato: Carducci

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Giosuè (o Giosue, com’egli preferiva, senza accento sulle e) Carducci, poeta d’Italia, ci lasciò questo giorno. Non fu poeta reazionario, anzi, ma poeta solido e colto, accademico, sicuro del suo mezzo artistico; semplicemente fra i suoi versi si faceva eco l’Italia di tanti anni fa e il respiro mitologico del sentimento risorgimentale, assai retorico; non mancarono le sperimentazioni giovanili (ma sempre riproposte negli anni) e una concezione quasi eroica della poesia che fu poi celebrata giustamente tra l’800 e il ‘900 e consacrata col premio Nobel per la letteratura, un anno prima della sua dipartita.

Il Vate della Terza Italia merita di essere letto ancora. Fu un grande poeta. 

Iscriviti alla
Newsletter

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione