Il Labirinto di Charles Simic

Non classéIl Labirinto di Charles Simic
1598358178078888-0.png

Il Labirinto di Charles Simic

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

La poesia di un poeta nasce dal suo labirinto. E il poeta ama il labirinto. Non può fare a meno di amarlo e, amandolo, perdersi in esso. Ma davvero è così? Davvero in esso di perde? Nella sua mente, fra le sinapsi e tutte le incaute associazioni di immagini e pensieri scatenati da un intuito misterioso, un pensiero che connette lo spirito al mondo, questo labirinto non è altro che la sua casa, la sua esistenza senza porte, senza uscite; e il poeta, già perso, si perde nel particolare del percorso. 

Il premio Pulitzer Charles Simic ne descrive i particolari, formando così una raccolta di descrizioni, connessioni e pensieri che imbastiscono un laboratorio poetico, alla genesi dei suoi versi.

Il mostro è presumibilmente quell’essere strano, non del tutto umano che regna disperatamente nel labirinto e uccide e divora i malcapitati persi nel suo mondo dedalico (o dialettico) . Divora parole, ricordi e amori. Sopravvive e pare non morire mai; potrebbe anche volare, ma vi rinuncia: perderebbe una casa irripetibile e creativa.

Il laboratorio raccoglie pensieri e associazioni spregiudicate, osservazioni quasi cliniche sul mondo, tutto quel marasma che la poesia sintetizza e, nel farlo, coglie il senso del principio che genera le cose di mondo – il mondo delle parole. O quelle tracce e quei brandelli di mondo descritti come una confessione lancinante di poche parole.

Il mostro ama il suo labirinto

Di Charles Simic 

Adelphi Edizioni 

Pag. 149, € 12


Iscriviti alla
Newsletter

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione