Hai vent’anni e sei poesia: Gennaro Madera (e il libro della domenica)

Non classéHai vent’anni e sei poesia: Gennaro Madera (e il libro della domenica)
madera.jpg

Hai vent’anni e sei poesia: Gennaro Madera (e il libro della domenica)

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

 

Gennaro Madera raccoglie
le sue poesie e i suoi pensieri su Instagram, offrendole a un
pubblico vasto di circa 50 mila follower, in costante aumento.
Poesie che, intessute durante un percorso di crescita personale e
consapevolezza artistica, hanno trovato corpo in una raccolta poetica
sostenuta da un tema che ne esplicita gli intenti: Hai vent’anni.

È curioso che le
primissime pagine presentino – come nei primi del Novecento – un
vero e personale manifesto letterario pieno di intenti che lo stesso
Madera presenta con chiarezza e che inizia così:

A. Voglio creare libri
di poesia che abbiano un potenziale
popolare.

Tale
volontà è dichiarata in una silloge checresceletteralmente, pagina dopo pagina, contribuendo tutto alprodottolibro destinato a solleticare un puro gustopop.

Prodottoè un termine difficile da accostare alibro:
ma con i mezzi propri della vendita di un prodotto si arriva per
l’appunto a un gusto popolare che leggeranno parole di sogni e amori
evoluti su un concetto imprevedibile e intenso: la giovinezza,
l’avere appunto vent’anni, età giusta per assaporare – come gli
hamburger e le patatine fritte fra amici – una poesia che scopre se
stessa ed è dedicata a tutta una generazione.

Hai vent’anni

e sentimenti

devastanti

come carri armati:

i tuoi amori

in modi vari

tutti li hai amati.

La
poesia è essenzialmente elitaria? Per sua natura misteriosa e rara,
forse, ma non per lo scopo: arrivare al cuore di tutti. La scommessa
di Madera dipartiredal cuore per un percorso letterario a ritroso è apparentemente
facile, mentre è difficile parlare sempre di amore: ne viene per
necessità e coerenza programmatica una raccolta poetica
generazionale, per una giovane fetta di pubblico spesso impreparata
alla lettura poetica, ma, stranamente, più assidua frequentatrice
del mondo libro e spesso stufa degli incantamenti digitali. Il cuore
è carne e pulsa; e mentre cosiddetti poeti blasonati (come Gio Evan
e Francesco Sole) si rifanno al luogo comune ealla
scrittura in versi
come droga
poetica spacciata dai canali web, Madera opera alcontrario:
si muove dal web per arrivare (ancora) alla poesia.

Di
contro, il pubblico a cui si rivolge l’autore non è forzatamente o
sotto il confine dei vent’anni – in cui trovare come criterio un
sentimentalismo che nutre aspettative e appetiti rapidi, di facile
presa (come si suol dire): il fascino e la sfida di questo libro
stanno nell’aver trovato una posizione in un genere
letterario meraviglioso che ambisce a una propria conformazione,
una identità: è un libro sì pop, ma indipendente (tale è
l’edizione, con tutti i rischi annessi).

Ma
è un libro di poesie? Leggiamo bene: è un libro checerca la
poesia, la racconta mentre racconta l’amore, la sensualità,
l’incertezza e giovinezza – con tutte le varianti infinite. La
poesia si rivela pagina dopo pagina con tono sommesso, intimo,
talvolta sfrontato e divertito: è un ricercare costante lamusica
senza note
propria della poesia; e mentre si raccontano brevi storie
e fotografie di vita, eccola che accade, come momento cruciale di una
breve esistenza, di un soffio, o come può essere un innamoramento.

Pareva fosse un attimo

tra un battito e una
lacrima.

Eppure ora filtra
lieve il sole dalle serrande:

sono quasi le sette.

Pia piange e sorride.

Poi torna in cucina
perché ha sete.

Guido la fissa
innamorato

mentre cammina nella
sua vestaglia di seta.

Ha un buon sapore
stamattina la primavera.

Hai vent’anni è infatti un libro innamorato della poesia, e questa in
alcune pagine supera l’attesa e si rivela sommessamente, benché
sempre incisiva come una epifania. L’epifania in un bacio come fosse
l’ultimo e il più scottante.

Come
quando si hanno vent’anni e tutta la vita è ancora da vivere. E come
il poeta stesso sottoscrive:

Non è un caso che giovinezza

faccia rima con incertezza.


Hai vent’anni

di Gennaro Madera

Pubblicazione indipendente

Pag. 263, € 14,75

Iscriviti alla
Newsletter

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Si consiglia di concludere gli ordini entro il 18 dicembre. Dopo tale data, non si può garantire la puntualità delle consegne entro Natale.
+
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione