Gli incubi di Howard Phillips Lovecraft (1890 – 1937)

Non classéGli incubi di Howard Phillips Lovecraft (1890 – 1937)
1593334750795960-0.png

Gli incubi di Howard Phillips Lovecraft (1890 – 1937)

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Esattamente 130 anni fa nasceva, a Providence, uno dei più grandi scrittori americani, forse il più originale: Howard Philip Lovecraft. Lovecraft ha iniziato la sua vita da scrittore fin da bambino, assiduo frequentatore della Biblioteca del nonno (presso il quale trascorse un’infanzia quasi felice) e mente ancora aperta a ogni suggestione, soprattutto agli incubi terribili che lo colpivano di notte: i primi che raccontò e descrisse erano I Magri Notturni, esseri demoniaci che lo tormentavano. Lovecraft conosce un’ostilità misteriosa alla ragione umana, il mistero orrido e imperscrutabile che permea l’universo. Ateo dichiarato, lo scrittore raccontava d’altronde il suo universo interiore in una personale  dicotomia ragione/paura, nella quale la paura vinceva infine sulla ragione grazie alle sue radici più profonde nell’animo umano. La sua mitologia fantastica-fantascientifica, inimitabile e orrorifica, gravita attorno al principio di Cthulhu, antica divinità mostruosa ed essere dalla testa rotonda irta di tentacoli, grottesco e immenso, celato nelle profondità marine, destinato a padroneggiare sulla miseria umana. 

Gli incubi di Lovecraft ispireranno la letteratura horror e fantascientifica degli anni a venire: il sogno terribile non si è mai interrotto.

 “Non so perché i miei incubi fossero così orrendi. So soltanto che la falce della luna calante non era ancora alta nel cielo, verso est, quando mi svegliai madido di sudore gelato, deciso a non riprendere sonno.”

Iscriviti alla
Newsletter

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione