Giuseppe Ungaretti (1888 – 1970)

Non classéGiuseppe Ungaretti (1888 – 1970)
intervista%2Bungaretti.png

Giuseppe Ungaretti (1888 – 1970)

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Giuseppe Ungaretti ci ha lasciati nel giugno di 50 anni fa. Il fascino che esercita tuttora sui giovani lettori è forte; e chi lo conosce e lo legge difficilmente potrà dimenticarlo.

Ungaretti in guerra, Ungaretti che piange il figlioletto scomparso; che diviene ermetico; Ungaretti orfano di Nobel. Una figura essenziale che fa da spartiacque nella nostra storia letteraria. 

Con un pugno di parole, aggrappato alla vita, scriveva piccoli grandi capolavori:

Si sta come

d’autunno

sugli alberi

le foglie.

(soldati) 

Il valore assoluto della parola scarna e disperata è così espresso, e la sincerità che vi trapela ancora oggi è attualissima. Sono poesie di vita contro la morte. Poesia che sfiora il Mistero e ne canta la bellezza:

Iscriviti alla
Newsletter

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Si consiglia di concludere gli ordini entro il 18 dicembre. Dopo tale data, non si può garantire la puntualità delle consegne entro Natale.
+
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione