Caro PPP, e la Poesia?

Non classéCaro PPP, e la Poesia?
1597935334512499-0.png

Caro PPP, e la Poesia?

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

La poesia non è merce perché non è consumabile. Non è prodotta ‘in serie’ : non è dunque un prodotto. E un lettore di poesia può leggere anche un milione di volte la poesia: non la consumerà mai. 

Pier Paolo Pasolini 

Avevi ragione, PPP? Eppure persiste una paura: che nell’omologazione della società consumista effettivamente la poesia, rimanendo per natura lontana dall’essere un prodotto, venga soppiantata da una truffa: da una scrittura che somigli vagamente alla poesia stessa, una letteratura fagocitante il sentimentalismo anche sincero dei suoi parolieri; e che diventi perciò prodotto da consumare, simil colto e profondo, spacciato per poesia.

Tre quattro poeti in un secolo esistono, affermò Moravia (che poeta non era) e sono pochissimi, giustamente e tristemente, e di anno in anno seppelliti e dimenticati da centinaia, migliaia di titoli pubblicati da grandi editori che pure controllano e decidono la distribuzione dei libri stessi – che acquisiscono spazi promozionali fisici nelle librerie decidendone il destino e affinché un libro venda tanto e in poco tempo, per fugace piacere, proprio come prodotto usa e getta.

Per ignorare la poesia bisogna mistificarla. Con una finta poesia, una scrittura in versi contro la poesia eternamente libera, allergica a ogni –ismo, ostica e magnifica, misteriosa e cristallina, capace di fermare il tempo in epoca di assurda cronofagia derivata da ogni sistema.

Caro PPP, la poesia sta forse diventando consumabile. O forse no: è un’àncora di salvezza, ma non è per tutti né soccombe al piacere del nulla.

Resiste, in mezzo al silenzio, al totalitarismo consumista e miscredente.

Soccombe per quello che è. 

Iscriviti alla
Newsletter

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione