Brian Jones o la fine della creatività

Non classéBrian Jones o la fine della creatività
1593851382602953-0.png

Brian Jones o la fine della creatività

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Brian Jones, fondatore dei Rolling Stones. Polistrumentista di ispirazione jazz, imprevedibile e geniale, senza di lui le Pietre Rotolanti non avrebbero imposto il loro rock sporco per il pubblico inglese, ancora avvezzo alle melodie e ai Beatles. Negli ultimissimi tempi, in sala di incisione, riparava in un angolo a piangere: ormai, per gli altri componenti del gruppo, il suo supporto musicale e compositivo contava ben poco. Jones lasciò i Rolling Stones di lì a poco e provò altrove il suo talento musicale. Ma ormai si era perso,  e così si era persa l’anima della band (ma non irrimediabilmente). Il leader era ormai Mick Jagger, il quale pensò presto di ricomporre la band reclutando – sempre dall’ambiente jazz – Bill Wyman e Charlie Watts, più il pianista Ian Stewart, nuove linfe vitali per compensare il mancato apporto musicale di Jones, artefice degli arrangiamenti più eterodossi. Il 4 luglio Jones fu trovato morto di overdose nella sua piscina.

Brian Jones ha iniziato una delle band più influenti di sempre e a essa ha dato il suo cuore, la genialità, la naturale e impressionante propensione alla musica. Enfant Prodige, da ragazzino era già capace di suonare ogni strumento e per questo capace di miscelare sonorità barocche, scenografiche – in barba forse alle presunte trovate rivoluzionarie musicali dei Beatles, i cui talenti venivano sempre filtrati da una produzione massiccia che ne inficiava i genuini intuiti musicali. Con Jones vi era un talento puro che almeno inizialmente soggiogava gli altri componenti dei Rolling Stones; ma dietro il talento viveva una persona insicura con un carattere fragile, presto strozzato dalle droghe; non come Mick Jagger, frontman strepitoso, lascivo e pieno di energia, perfetta (ma non originale) incarnazione del rocker selvaggio. I mondi di Jones, le sue evocazioni sonore e gli arrangiamenti bizzarri e per-psichedelici li ritroviamo in Their Satanic Majesties Request e in Aftermath, ma di lì in poi la grande stagione pienamente creativa dei Rolling terminerà per dare spazio a un blues più dirompente e ruvido, sostenuto dalla ritmica strabiliante di Watts e Wyman.

Era Jones il musicista antesignano del rock. Ma forse genio e sgregolatezza non possono scindersi e il genio soccombe a tutto ciò che non è eccentrico, imprevedibile e disorganizzato: com’era, in un certo senso, la prima musica dei Rolling Stones.

Ultima nota: a quanto pare Jones sarebbe membro d’onore del famigerato Club27 composta da piccoli o grandi artisti del rock morti a 27 anni, come Jimi Hendrix, Janis Joplin e Kurt Cobain. Trattasi probabilmente di una piccola e squallida idiozia giornalistica, che niente aggiunge a delle morti tragiche e ancora difficili da accettare (come quella di Cobain).

Brian Jones è già mito di suo, e la sua magia musicale persiste ancora.

Iscriviti alla
Newsletter

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione