Poesia, amore, odio: Alda Teodorani

criticaPoesia, amore, odio: Alda Teodorani
alda-teodorani

Poesia, amore, odio: Alda Teodorani

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

 

 

“Gli ultimi brandelli del buio”.

ORRORE E AMORE

Alda Teodorani è regina indiscussa della narrativa horror  e noir italiana. Le sue storie – i romanzi, i racconti editi da varie case editrici, fra cui Delos Digital e Hacca – sono crudeli e spiazzanti; le paure viscerali e le vicende strazianti dei suoi personaggi aprono a un nichilismo indiscutibile entro cui scorre sangue catartico, annunciato da un intreccio narrativo incantevole.

Lo stile di Teodorani spesso rientra in toni dissacranti e in un’ironia crudele che rimarca l’assurdità del vivere e l’orrore esistenziale.

EPPURE…

Eppure… dai pensieri reconditi di Teodorani, da una cassaforte inaccessibile e in mezzo a “lame appuntite”, solo la stessa scrittrice trae parole segrete che compongono la sua inaspettata Poesia.

Ti odio Poesia: il titolo di questo libro tradisce un sorprendere amore/odio per la scrittura e l’esigenza poetica che si palesa – di fatto e per nostra fortuna – nella necessità di una ri-pubblicazione libera e autonoma e ai margini della produzione di narrativa (e per cui si consiglia Bloody Rainbow, edito da Hacca) che attinge la sua forza da un talento intermediale derivante dal mondo del fumetto, del cinema, la musica (e le suggestioni pulp di tanta letteratura cannibale italiana anni ’90); la Poesia sfugge tuttavia da ogni canone post-contemporaneo – è Poesia e basta, e Teodorani vi riscontra e conferma il suo “non essere se stessa”.

alda teodorani, horror, poesia, scrittura emergente, pubblicare

Alda Teodorani

Ti odio Poesia d’altronde è confessione di un difficile, indefinibile e ingovernabile amore: è una scrittura confessata e senza gli schemi narrativi che come congegni perfetti coinvolgono i suoi abituali lettori.

poesia, alda teodorani, delos digital, hacca, amazon

Ti odio Poesia – Alda Teodorani – pubblicazione indipendente – pagg. 66 – € 8,32

I suoi componimenti si nascondono in una stanzina segreta della coscienza, chiusa a chiave, da cui assorbe ogni esperienza letteraria, ma da questa affrancandosi; e forse proprio in questi abbiamo la chiave per meglio comprendere i processi creativi della scrittrice che si affacciano con mille variazioni alla paura; la sua sensibilità a fior di pelle affronta il decadimento dell’amore e il nulla della morte, pur lasciando un ultimo anelito alla sensualità, all’amore che il desiderio risveglia in corpo rimarcando l’assenza tediosa di un abbraccio e di un contatto:

nel mio cassetto

degli amori non consumati

vedrò se trovo qualcosa di tuo.

Vampiri

L’odio per la Poesia mantiene forte e illibata, non consumata, la Poesia stessa; ma i componimenti scaturiscono comunque, senza inizio né fine, quale ultimo e ingovernabile respiro, ultima traccia di lirismo alla fine del mondo (e della propria anima), ultimo sguardo all’eternità che si rifà ai topos di certa narrativa ma tradisce un canto disincantato, un’esitazione amorosa che non si chiude e ancora attende fra i versi la chiusa definitiva.

Io non ho età

fluisco

col fluire del tempo

scorre il mio sangue nel cuore…

eterno.

(Vampiro II)


Iscriviti alla
Newsletter

Condividi con chi vuoi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione
Per scambiare con noi qualche parola 
(o per capire che cosa facciamo nel concreto, per voi e per noi)
 
Un caro saluto,
La Redazione