Hemingway era un POETA?

criticaHemingway era un POETA?
la poesia di Hemingway

Hemingway era un POETA?

Condividi con chi vuoi:

 

 

“Vorrei essere… sai dove?”

Poesie ne scrisse. Per tutta la vita. Molti ne recepirono l’opera poetica e volutamente la ignorarono, tranne alcuni che colsero elementi curiosi di un talento riconoscibile ma per altri aspetti.
Hemingway era un poeta? E quanto la poesia influì sul suo straordinario talento di narratore?

Reduce eroico dalla seconda guerra mondiale, drammatico periodo giovanile ricordato e tratteggiato con maestria in Addio alle armi, nella scrittura satura di vitalità di Hemingway i suoi protagonisti (la sua voce in più voci?) fronteggiano la morte, e a essa in ogni fiato e ogni pensiero vi si opponevano.

La scrittura scarna era al contempo allusiva. I personaggi vivevano quasi a margine la loro stessa vita. Scansati da una cronaca narrativa sicura e dura ma dalla quale emergevano momenti memorabili, intensi, quasi sempre evitando il fatale rischio di una retorica stucchevole. Impresa ardua che Hemingway vinse con Per chi suona la campana ma su cui forse cadde con Il vecchio e il mare del 1954.

Hemingway

Le sue storie sono indebitamente ma indubbiamente epiche e intensificate da una forza narrativa mordace ed essenziale. Si narra una vita senza paura, senza macchia, piena e sovente eroica e rischiosa. Hemingway è maestro e padre (assai remoto, ma legittimo) del genere hard boiled, distaccato e coinvolgente (“It is awfully easy to be hard-boiled about everything in the daytime, but at night it is another thing ” “È terribilmente facile essere duri su tutto durante il giorno, ma di notte è un’altra cosa.”) nonché autore di alcuni dei racconti più belli del Novecento ( I 49 racconti è da alcuni ritenuto il suo più grande capolavoro).

Fin qui (e malamente riportata) l’identità di Hemingway narratore. È strano immaginarsi Hemingway che durante la stesura dei suoi romanzi si prendesse del tempo per poetare. Eppure scrisse poesia per tutta la vita.

Nell’edizione 1979 della Collana Specchi Mondadori Vincenzo Mantovani introdusse magistralmente la vita poetica di Hemingway. Ed emerge in effetti che Hemingway scrittore si è proposto in primo luogo con le sue prove poetiche, pur non trascurando ovviamente i primi interventi giornalistici per i quotidiani locali. Hemingway cominciò con la poesia appena adolescente ed è incredibile la riconoscibilità di un’attitudine alla vita che avrebbe poi marcato la sua scrittura:

[…] quando sentivi strimpellare un banjo

sulla veranda della casa di fronte,

e parco ti giungeva il profumo dei lillà

c’era qualcosa che lottava, in te,

che non riuscivi a mettere in parole…

Eri viva poesia, nel buio, là!

Nel suo accesso poetico più lirico, Hemingway non rinuncia comunque alla lotta. A tali versi si aggiungono tasselli di un costruttore di storie – nelle cui poesie rimane intatta la voglia di vita e storia e per la quale i versi si riducono a note di un taccuino. Alla prima uscita pubblica delle sue prove poetiche, le poesie passarono sì inosservate, ma trovando nell’indifferenza generale un’osservazione assolutamente acuta e quasi profetica per mano del critico letterario e poeta Edmund Wilson: “Le poesie del signor Hemingway non sono particolarmente importanti, mentre la sua prosa è di prim’ordine.”

Fiesta ne è la prova. Il manifesto della lost generation, che consacrò Hemingway fra i grandi della sua generazione, offre una straordinaria alchimia fra cronaca e momenti lirici, fra scrittura scarna e poesia. I componimenti lirici raccolti in questo libro sono al contrario microstorie formulate con un ritmo avvincente, essenziali e coinvolgenti.

Il “passo falso” da poeta di Hemingway è un passo indispensabile per la definizione artistica di uno dei maggiori scrittori del ‘900.

hemingway, 88 poesie, lost generation, poesie, gertrude stein, fitzgerald, il vecchio e il mare, fiesta, per chi suona la campana, hard boiled

88 poesie, di Ernest Hemingway, Mondadori, pagg. 264, € 15.50

Iscriviti alla
Newsletter

Condividi con chi vuoi:

Lascia un commento

abbonamento
CONCORSO

VINCI UN ABBONAMENTO GRATUITO A SP!

Come partecipare:

scegli uno dei nostri libri e, insieme con la ricevuta cartacea di acquisto, riceverai un codice alfanumerico. Uno di questi verrà estratto il giorno 21 marzo 2024 come vincitore di un abbonamento e l’estrazione verrà comunicata tramite newsletter ufficiali e diretta su Instagram dal profilo ufficiale della casa editrice.